Libri

''TEMPO SCADUTO''

Autore: Franco Cuomo
Editore: Ridotto
Dati libro:
Anno: 2008
Tipologia: Teatro

ULTIMA RIEDIZIONE
Anno: 2008
Editore: Ridotto

Descrizione:

Personaggi:un uomo una ragazza piu' un cameriere che non parla.

"Tempo scaduto" e' l'ultimo

dramma scritto da Franco. E' un incontro al

bar fra uno scrittore e una ragazza che lo ha preceduto

in quel luogo e lo sta aspettando. Sulle

prime lui non si rende conto della sua presenza,

né la vede il cameriere che serve un caffè corretto

all'uomo impegnato a destreggiarsi fra agende,

cellulare e giornali. Ma la ragazza si insinua

su di lui come prendendone possesso fino a che,

senza voltarsi, l'uomo sente che lei è dietro di lui

e ha inizio fra loro un dialogo pieno di allusioni

alla vita e alla morte, dove la ragazza considera

un'abdicazione alla vita il diario scritto dall'uomo

alla ricerca di un consuntivo esistenziale,

avendo senso soltanto dopo la fine dell'esistenza.

Si addensa sempre più il significato emblematico

di questa presenza femminile, che lo scrittore

riconosce di aver sempre sentito accanto a sé in

quella figurazione di donna, anche se sfilandosi

l'impermeabile lei rivela due ali piumose e una

tunica bianca. Ma è tutta come lui se l'è

immaginata, quella figura che si sente simile ad

una immaginetta, perché è lui che così l'ha voluta.

Nel dialogo emergono altri particolari che rivelano

una misteriosa intimità fra i due: così lei fuma

perché è stato lui a immaginarla in quel gesto. Ma

"il nostro mondo è contiguo a quello dei sogni –

gli confida l'Angelo – pur non sognando mai", e

mentre lui ripreso dai consueti affanni esistenziali

va telefonando e discutendo, lei si addormenta,

ma per risvegliarsi appena lo scrittore le torna

accanto riprendendo il dialogo che si fa metafisico,

perché ormai lui ha capito che dovrà abbandonare

la vita. E dice: «Non ho niente di cui pentirmi.

Non ho nemmeno un rimorso da donarti, nemmeno

la più piccola inquietudine».

e poi ancora:

«La mia coscienza è spaventosamente tranquilla

». Tra i due è una gara di confidenze, una

disponibilità di tipo amoroso, una dedizione

estrema. La ragazza accetta che l'uomo le metta

il rossetto sulle labbra, che le trucchi gli occhi

con il pennarello con cui scrive i suoi taccuini.

Adesso che ormai il "tempo" è "scaduto" lo

scrittore si lascia condurre fuori dal bar, luogo

emblematico degli incontri della vita, preso per mano dall'Angelo, guida gentile e rassicurante.

E' un modo da scrittore e da animo sensibile

questo, da parte di Franco, per anticipare il proprio

congedo in pace con se stesso partecipandolo

agli altri, se in sintonia con lui sentiranno il

desiderio di dialogare con questa sua volontà di

comunicare. (di Maricla Boggio ''Ridotto'' dicembre 2007)